.
Annunci online

 
parteattiva 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Technorati
Officina Democratica
RinascitaNazionale
StefanoScargetta
SocietàCivile
Pagerank
Antimafiaduemila
OsservatorioCampania
Il Senso del Vero
Arcoiris Tv
Porta di Massa - Lab.autogestito
Doppia Ricerca
la CORRENTE.
Il Diogene
Fisicamente
Raccolta Marco Travaglio
Beppe Grillo
Narcomafie
Parco Naz. Cilento
NuovaPolitica
Loumogghe
La scomparsa dei fatti
Gira la rete
Cerca Blog
WebTematico
Abc LInk
www.codicesorgente.it
Archivio900
Bloggers
RssPress
  cerca

 

 

Creative Commons License
Parteattiva by Antonio Bruno is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato

senza alcuna periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 07.03.2001
L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile
per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine
o dell'onorabilità di persone terze
non sono da attribuirsi all'Autore."

AUTORE

  • ANTONIO BRUNO

DAI UN'OCCHIATA A...:


PARTEATTIVA SUMYSPACE
Antonio Bruno

Crea il tuo badge



" GLI UOMINI PASSANO, LE IDEE RESTANO. RESTANO LE LORO TENSIONI MORALI E CONTINUERANNO A CAMMINARE SULLE GAMBE DI ALTRI UOMINI"

"Basta ai giovani contestatori staccarsi dalla cultura, ed eccoli optare per l’azione e l’utilitarismo, rassegnarsi alla situazione in cui il sistema si ingegna ad integrarli. Questa è la radice del problema: usano contro il neocapitalismo armi che in realtà portano il suo marchio di fabbrica, e sono quindi destinate soltanto a rafforzare il suo dominio. Essi credono di spezzare il cerchio, e invece non fanno altro che rinsaldarlo."-
Pier Paolo Pasolini

Libri Consigliati
Il Crepuscolo degli idoli  di F. Nietzsche
L'unico e la sua proprietà di M. Stirner
Cose di Cosa nostra di Giovanni Falcone e M. Padovani
Poteri forti di Ferruccio Pinotti
La Israel lobby e la politica estera americana di J.J. Mearsheimer e Stephen M. Walt
L'Anticristo di F. Nietzsche
Fratelli d'Italia di Ferruccio Pinotti
Roghi Fatui di Adriano Petta
Le vie infinite dei rifiuti di Alessandro Iacuelli
1984 di George Orwell
Una teoria della Giustizia di John Rawls

"Combattere e vincere 100 battaglie non è prova di suprema eccellenza, la suprema bravura consiste nel piegare la resistenza del nemico senza combattere" -Sun Tsu-



www.kilombo.org
segnala il tuo blog su blogmap.itSfondi Desktop Gratis Vista  Windows Vista Foto Natura
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!Antipixel di SocialDust Blog Aggregator
Blog Aggregator 3.3 - The FilterGooglerank, pagerank di Google
Ci trovate nella Directory RSS Italiana
voli low cost  viaggi economici
Ottimizzato con TuttoWebMaster

 
"In Sicilia, per quanto uno sia intelligente e lavoratore, non è detto che faccia carriera, non è detto neppure che ce la faccia a vivere. La Sicilia ha fatto del clientelismo una regola di vita. Difficile in questo quadro, far emergere pure e semplici capacità professionali. Quel che conta è l'amico o la conoscenza per ottenere una spintarella. E' la mafia, che esprime sempre l'esasperazione dei valori siciliani, finisce per fare apparire come un favore quello che è il diritto di ogni cittadino".
-Tratto da Cose di Cosa nostra di Giovanni Falcone e Marcelle Padovani-

"Non vi è dubbio che la televisione sia autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo. Il giornale fascista e le scritte su cascinali di slogans mussoliniani fanno ridere. Il fascismo, voglio ripeterlo,non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l'anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e d'informazione, non solo l'ha scalfita, ma l'ha lacerata, violata, bruttata per sempre".- Pier Paolo Pasolini

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

Visualizzazione ingrandita della mappa


 

Diario | SpazioCilento | Cultura | SpazioLibero | Spazio auto-gestito di informazione politica |
 
Diario
467561visite.

23 agosto 2007

LA POLITICA SI RINNOVA...

L’estate torrida paventata dai nostradamus del meteo si è fortunatamente rivelata una boutade giornalistica. Piuttosto l’Italia è in fiamme, ma per questo non c’è bisogno di nessun frate indovino. Un po’ come dichiarare che la politica italiana è attesa da un autunno rovente, facile no? I tribuni del popolo non hanno perso tempo, dissotterrando il classico clichè degli affabulatori dal fiato corto: rinnovamento. Il rubicondo signore dell’estasi non esiterebbe ad esclamare: perbacco! I nostri affabulatori sono probabilmente stanchi, neanche si sforzano di camuffare la forma. Perché non adoprare, a tal uopo, la santissima lingua dei nostri Padri come, motu proprio, suggerisce il lefebvriano Benedetto XVI? “Lupus agnum edit” disse il savio lupo all’ingenuo gregge di agnelli, e tutti esclamarono: meraviglia!
Renovatio, signori, renovatio salmodiate dalle panche del parlamento.
Nessuno obietterà, nessuno ammonirà, nessuno vi accuserà di profanare la nostra lingua madre, mater omnium virtutum. Insomma, in un parla-mento tutto è lecito e, d’altronde, il linguaggio è un organismo pulsante, cangiante nei tempi e nei modi. E se la classica renovatio diventa sinonimo di “cerchiobottismo”, nulla di nuovo sotto il sole d’Italia, patria dei Gonzaga e dei Borgia, dei Machiavelli e dei cicli storici vichiani. Qua non si muore con tutti i filistei…

Questa è la terra del Partito Democratico e della “prode” Finanziaria.
Pare necessario sottolineare che, per quanto siano stati concepiti da eccellentissime menti, gli stessi rientrano nella vile categoria degli strumenti, dei dispositivi; ciò che, con felice intuizione, i parlanti inglesi chiamano device - e facciamoli contenti gli anglosassoni, questi tronfi ma lodevolmente sintetici padroni del mondo. Un partito, una manovra economica sono, per l’appunto, device, nulla più.

Il rinnovamento, al contrario, è qualcosa che rimanda all’ethos, qualcosa che mette alla prova gli autori di questi dispositivi. Insomma, renewal is not a mere device. Ah, quest’inglesi!
Agli autori dobbiamo chiedere di tradurre le loro idee in prospettive affatto nuove, di sciogliere i ceppi di un passato logoro.
Epperò sembra che il principio-guida dei nostri “cari” onorevoli  sia il trasformismo, ben altra cosa dall’auspicato rinnovamento. Accade tra queste valentissime menti che un movimento circolare sia confuso per un movimento progressivo. Una vera disdetta!

Amministrare e governare con giudizio la res publica deve essere l’atout  per gli eletti dal popolo,  ma pare che l’esercizio parlamentare offuschi la mente di questi onorevoli rappresentanti a tal punto da persuaderli che essi siano gli eletti del popolo. E da questo bizzarro bisticcio di parole, da una vocale aperta e poi chiusa in malo modo può accadere, come invero accade, che l’interesse collettivo si confonda incidentalmente in interesse personale.
Del tutto incidentale, ovviamente.

Il “popolo sovrano” resta l’idea fondativa del vi..[.]oso parlamentare, che opera sempre e comunque per il bene della collettività, fraternamente.
Tocchereste Caino, voi?
In fondo è nostro fratello, lavora per noi…

 Aristide Cherubini Giacoia



sfoglia
luglio        settembre